Kula Shaker: «Perché nessuno suona più il rock, come se fose una questione di vita o di morte?» | Rolling Stone Italy

Fortunately, the good old rock’n’roll fatto with the chitarre riesce still to enthuse, to farci move the seat and uscire home for the curiosity of seeing a band in a box. Merito di personaggi eat Crispian Mills, che al vigilia del suo fiftieno compleanno de l’ha ancora la voglia di spaccare il mondo di cuando con i suoi Kula Shaker He made his debut with an album fatto di psichedelia, mysticismo orientale e spiritualità. This brief description of k (1996) è in realtà un copy e incolla dell’attuale bio della band pubblicata sul suo profilo Twitter. This is to say that, più di 25 anni dopo, the music of Crispian and his compagni non è molto cambiata. Inoltre, nelle scalette dei loro live, that album (unicum nella scena Brit rock dell’epoca) still has the part of the lion.

The group’s line-up was recently completed by the return of Jay Darlington, the original formation’s tastierista. This will be at the Teatro Regio di Parma, quindi, ci saranno i Kula Shaker of that memorable debut, which was at the first post of the British classification in a moment in which I still find it unsuccessful, eccome. «It’s fantastic. When we were born again in 2006, he was young, but he was not returned to far part of the group because he was on tour with gli Oasis. Ma c’è stata una scissione nel multiverso e he ora he è tornato alla vecchia realtà. Cis stiamo divertiendo un mondo. He is Gandalf, he is tornado ».

Ecco, Crispian Mills speaks davvero così. Starlo ad ascoltare è uno spasso, poi magari tradurre en italiano ciò che é ha detto non è semplicissimo ma ci proviamo. «He is a magician», he continues about the compagno ritrovato, who has become part of the touring band of the Oasis fino at the time of the parigine family dispute, «he’s the original wizard in a blizzard». Dovremmo translate “wizard in the storm”? He will lose the rhyme. «C’è a spiritual connection between all of us, a form of peace that we share and is contagious. It is funny because when the guardsman around the stanza unexpectedly nulla è cambiato, c’è la stessa emozione di cuando eravamo ragazzini».

In a musical scene forcibly sewn più fragmented by that of the parrot is ordi, and Kula Shaker in 2022 if I put as a portatori of a rock’n’roll fiaccola that did not sound minimally intentional to lasciar spegnere. Crispian Mills snocciola i punti essenziali del loro manifesto: «A volte ci sembra di essere gli ultimi dei moicani, ci pare che nessun altro suoni rock’n’roll come se la loro vita dépendesse da quello. A volte il rock’n’roll è un atteggiamento, uno spirito, un chiamata, il suono della libertà. A volte sembra che non sia rimasto nessuno. We are still an ambicious band, we feel that we do not have anything to do with our potential. Il ritorno di Jay forse è la nostra seconda chance».

E cos’è che non funzionato ai tempi della parrot prima chance? Per rispondere il cantante uses a calcistic image: «È come una squadra che avrebbe potuto vincere i mondiali. We won the championship in our country and we could go to jail in Europe. But we did not drink the best of the world. Ma mai will say mai. At the moment the band suona come non ha mai suonato. It’s a good time for rock’n’roll, c’è mucho da dire e mucho per cui suonare».

We avoid punctualizing by saying that the squad that won the national championship is not going to be happy with the world, both the messaggio is chiaro, and between Italian and English it is better not to talk about calcium for not intriguing the home. Ma ci sono band della scena actuale che Crispian Mills apprezza? Gruppi che, per usare le sue parole de él, suonano come se la loro vita dipendesse da quello? “Don’t mind. Gli Arctic Monkeys all’inizio, ma poi sono andati in confusione, hanno perso il contactato con la loro energia più grezza. Essere in a band vuol dire essere selvaggi, esere una forza della natura, e non ne vedo molte, di band così. At the end of 1999 I’ve seen Who will dream of Shepherd’s Bush Empire, this post in which I had born in London. Mi hanno spazzato via, non avevo mai visto una band, giovane o vecchia, suonare con quella quantità di pericolo. My fiduciary trustee in the fact that the type of music is still alive and that if you can sing like any other, I will not lose that spirit».



Some months ago the Kula Shaker have published a new double untitled album 1st Congregational Church of Love and Free Hugs. Crispian prefers non spiegarci il significato del titolo («A volta Stanley Kubrick tried to spiegare a Giapponese newspaper artist the finale of 2001 Odissea nello spazio, ma la sua spiegazione era assurda, ridiculous. He sews sono eats sono»). In compensation ci raccounts the story contained nei brani dell’album: «Èlla che il prete di una piccola chiesa que si trova in mezzo a tempesta racconta alla congregazione che ella si è ritrovata lì per ascoltarlo. While the tetto loses, I fight against a war that fights in paradise. My piaceva il contrast: the person in a piccola chiesa ascoltano a story that speaks of something cosmic. È come la nostra vita: è piccola, ma siamo parte di qualcosa di magnifico, di una historia spirituale molto più grande. It is only when we connect to this story that we invited that we take on a meaning. This is the essence of the album». Evitiamo di fargli will notice that our interview began with a slight ritardo of our own, but even if it was ripped in a snow bufera while driving in a car from Brighton to his house near Winchester, in Hampshire. Forse abbiamo fatto male, he chissà quali connessioni he avrebbe potuto tirare fuori.

A Brighton si trovava in studio assieme a tutta la band, impegnata in the registration of a new album that will be released in 2023. «Sarà il our album migliore, the biggest surprise, a scossa. When I arrived at a certain age, I was ready to classify you as a legacy band, a group that does apply to its own tradition, but has not immaginated it. Capita anche agli artisti, ci si guarda allo specchio e si dice: questo è quello che sono. But when we don’t wake up, we’ll tell you that we still have what we in India do if chiama Shakti, there’s still magic. Il lato spirituale di quello che facciamo, la ragione per cui ancora esistiamo como band, ci dà fede e magia. It is not one thing that safeguards the single musicians or the group: it safeguards the spirit of the music. My sensation is that it was the right moment, that it stelle if it were not aligned and that it was a special moment. When it happens if you dovrebbe trust your own intuition, something like when you find someone. Il tuo cuore lo sa, bisognerebbe fare in modo che la mente non complichi cose».

Shakti, we have verified it, indicates the primordial cosmic energy that represents the dynamic force that moves in the universe. So much time ago, Cristian Mills disse in an interview that Krishna’s scoperta and a successive journey in India were not kept by lui ciò that gli acidi were not kept by his coetanei. During his trip to India he sows no essere mai tornato, it is true that on the occasion of a recent concert in Glasgow he has turned his Twitter on to the fosse of the best Indian restaurant in the Scottish city. Cibo a parte, ad aprire le date britanniche dei Kula Shaker è state chiamata la Dhol Foundation, a gruppo di musicians che suonano il dhol, un tambouro indiano che, ci spiega il cantante, «serve per tirare fuori tutta la propria e mette il public in a mood da festa adatto al nostro concerto».

In Parma the Dhol Foundation will not ci sarà, in compensation i Kula Shaker if they were sent (in the context of the Barezzi Festival) in one of the temples of the lyric, a highly scenographic post that has also been suggested by Bernardo Bertolucci di First of the revolution and the Dario Argento di Opera. Quest’ultimo addirittura spese centinaia di milioni di lire per una soggettiva dei corvi che volano nel teatro. «We did not believe that we were in a general dispute, we are afraid that we have any specifics. Fare semper le stesse cose tutte le seré è noioso: guarderemo la sala e cercheremo di capire cosa è meglio fare. C’è semper stato un elemento theatricale in quello che facciamo, magari sang il primo pezzo dalla balconata».



In scaletta ci sarà also a cover della lennoniana Gimme Some Truth, che i Kula Shaker have recently added that it is not possible to modify the parole, as invece accadrà sul palco. “Ogni sera canto un testo diverso”, Crispian spiega. «John Lennon turns on the hypocrisy that appears to all of us. Da now le cose non sono cambiate, anzi: sono peggiorate. I sing part of Lennon’s testo ma ci butto dentro idee semper nuove. My diverto a farlo e penso sia necessary, perché non dobbiamo mai dimenticarci dell’ipocrisia a cui siamo soggetti. Dobbiamo encircare di non diventarne parte. Questi nuovi testi sono presi dalla vita quotidiana, che è una fonte inesauribile di spunti. All You Need Is Love and Gimme Some Truth sono la stessa cosa, perché l’amore e la verità richiedono entrambi coraggio. Il coraggio di affrontare il fatto che siamo tutti parte dell’ipocrisia, ma anche il coraggio di sconfiggerla».

We would like to give thanks to the writer of this post for this amazing web content

Kula Shaker: «Perché nessuno suona più il rock, come se fose una questione di vita o di morte?» | Rolling Stone Italy


You can find our social media accounts as well as other pages that are related to them.https://star1015fm.com/related-pages/