X, the review of the film by Ti West: a tribute to the cult year ’70 that fondes horror and cinema to luci rosse

royal
Sceneggiatura
Interpretation
Photography
Montaggio
Colonna Sonora

Estate from 1979, deep south of Texas. A small troupe – producer, recorder, microphone operator, duet and an attor – affitta a capanno all’interno di una gran fattoria gestita da un coppia di anziani a few controsi ma apparently innocui. Siamo al’alba del mercato dell’home video e sei sono lì por re un film pornografico e farne migliaia di VHS, acronym anchor mysterious ma dal suono that evokes guadagni principeschi. In reality and due to vecchietti, Pearl and Howard, I am very much less calm than the one who sows. While she was perplexed and always più irritated by the group’s activity, the lady manifests a sexual desire that the set to Luca Rosse later goes to scaldare. E troppa energie repressa, senza sbocchi, prima o poi è destined to deflagrare.

dope The Sacrament, Ti West returns to lavorare his tempi, luoghi and immaginari of cinema horror anni ’70, also be with a consapevole and perfectly contemporary sguardo. Eat spirit, sleepless, X è più vicino al false d’autore della serie HBO The Winning Time che all’hardcore dei suoi modelli (from da Don’t squeeze that door di Tobe Hooper), benché il film si lasci andare nell’ultima part to an exciting cavalcata di sangue, with a paio di sequenze truly selvagge. It is comforting that we are in a registered turn that sanno fare a cinema of the genre, because it is the destiny of the slasher (and dintorni) – knot and crude, senza troppi voli pindarici – fosse affidato a pastrocchi come il reboot della saga di Leatherface seen recently on Netflix, or a colossal “a tutti i costi” type gli ultimi Halloween, staremmo fresh. West sometimes has an absolute control of the material and it is perfectly che direction vuole prendere: sa che The error is born from the repression and that the repression if it originates from the desire, and it will be introduced in the most simple and rigorous way possiblemaking deflagrare corpi giovani e decrepiti, ei due generi più incendiari per la morale.

Non è un’operazione pomposa, eh, non fraintendete. X non pretend di essere sophisticato, anzi: semmai rischia di esserlo perfino troppo. It is true when it is redini and if it abandons its own identity, when it imbocca la china del B movie (senza mai scavallare), che il film dà il meglio di sé. Whenever I keep it (and the species) and chiama in causa paludi and coccodrilli. When aggiunge i fucili ai forconi. Quando si fa strano e repellente ma anche a suo way dolce e riflessivo, investing sull’anima dei suoi protagonisti. Not a case Pearl, l’anziana proprietaria della fattoria, interpretata (thanks to delle pesantissime sedute di trucco: si parla di dodici ore) dalla stessa mia goth that embodies the stellina of the porn film, will also be the protagonist of a prequel, that will tell the story and the origin of the bizarre behavior. Perche X non è un gioco al massacro: è un massacro alla fine di una studio di characteri. A Tarantino dovrebbe piacere…

© RIPRODUCTION RESERVATION

We would like to thank the writer of this write-up for this awesome web content

X, the review of the film by Ti West: a tribute to the cult year ’70 that fondes horror and cinema to luci rosse


Find here our social media profiles , as well as other pages that are related to them.https://star1015fm.com/related-pages/