Trento Film Festival 2022: the genziana d’oro goes to the cowboy cileni di American Gaucho

An inconsequent sguardo, a reworking of the myth of the cowboy applicata da un ranchero cilene. Guacho American di Nicolás Molina won the Genziana d’oro for the best film at the Trento Film Festival. A prize also all’italiano Lassù. Tutti and rewards.

A film of the ci contest has collided for the inconsequent sguardo with cui mette in scena an archetypal American myth like that of the cowboy, of the great spazi of the west. He does it with an external occhio, elaborating it to a contemporary in which the migration causes a sradicamento and allo this time an intriguing fusion of culture that lascia qualche hope for the future. I rancheri cileni in trasferta tra i paesaggi spettacolari dell’Idaho sono al centro di american gaucho gave Nicholas Molina who has come Genziana d’oro per il miglior film del Trento Film Festival 2022. A wealth of knowledge also all’italiano Lassu di Bartolomeo Pampaloni, if you bring home the Premio della Giuria.

american gaucho film segue Joaquín and Victor, among the gauchos of Patagonia, assunti come allevatori di pecore per labore in a ranch, showing the complexity of living in a foreign land and raccounting allo stesso tempo cosa voglia dire essere altri, alieniin close to a canon of communication, data supported by the common professional experience, gives a symbiotic relationship with animals and nature.

“In this case, ironically and particularly on this interpretation of the cowboy myth, rivisto across the occhi di due gauchos della Patagonia, le culture si scontrano e tutti sognano una vita migliore. Il regist Nicolas Molina – also director of photography – magnificently describes the difficoltà quotidiane dei due protagonisti, showing what price he has for alcuni il sognoamericano”, if legge nella motivation della Giuria.

Second president of the festival, Mauro Levighi. ”Ambient in montagne lontane, american gaucho racconta pero, una storia a noi tutti familiare. In Joaquín and Victor rivediamo i nostri nonni emigrati in South America or in North Europe to close a migliore vita, ma also le tante donne ei tanti uomini che arrivano in Trentino, stagione dopo stagione, per lavorare nella raccolta delle mele, nella zootecnia, nel tourism : coi loro sogni, che dovremmo essere in Grado di esaudire, e con le loro fatiche, che e, nostro dovere mitigatee. L’incontro tra culture differenti può essere faticoso, ma va confrontato con impegno e con la giusta dos di curiosità, starting from the normal, della vita quotidiana”.

La Genziana d’oro Miglior film di alpinismo, popolazioni e vita di montagna – Cai Award for film cinema Dark Red Forest; the Genziana d’oro Miglior film di esplorazione o avventura – “Città di Bolzano” Award for The Panther of the Neiges; le Genziane d’argento Miglior technical-artistic contribution to Akeji, le souffle de la montagne e Miglior short metraggio al basco Heltzear. The giuria was compost dai registi Michelangelo FrammartinoAuthor I gave the bucoSpeciale della Giuria Award to Venezia in 2021, and Illum Jacobyexplorer and Danish filmmaker, who presented the esordio to Trento The Trouble With Nature; the Polish film journalist and critic, based in Helsinki, Marta Balaga; the alpinist and himalaist giovane of Andorra Estefania “Stefi” Troguet; il professore all’Universita, di Innsbruck Christian Quendlerresponsible for the research project “Delocating Mountains: Cinematic Landscapes and the Alpine Model”.

In Dark Red Forest splendore visivo e indagine spirituale si uniscono nelle immagini di un monastero su un altopiano innevato in Tibet, dove ventimila monache buddiste vivono Circondate da una natura aspra e isolate dal mondo. “La Giuria has awarded the prize for the sincere, and intimate, with which the film saves the life of a group of Tibetan monks, who face the mountain environment alla ricerca dell’illuminazione. Using the greatest potential, cinematography of the time and from the presence, the registry invites the public in a deep space of faith and spiritual research”.

The tour has motivated the recognition of Lassu. “The Special Award of the Giuria del Trento Film Festival goes to a film that has a great print alone: ​​Isravele non è un alpinista ma la sua scalata de sua obbiettivo addirittura il cielo! The registry of LassuBartolomeo Pampaloni, has the courage to join the spedizione e di partere, ma, ed è cio che più conta, dimostra also di sapersi fermare alla quota giusta”.

“Non potevamo festeggiare in modo migliore questo seventantesimo anniversario”, commented the director of the manifestation, Luana Bisesti. “Avevamo bisogno di rivedere in faccia il nostro pubblico e il pubblico has given us a great voglia to breathe culture, afflicting the Teatro Sociale, the padiglione di MontagnaLibri, the Parco dei Mestieri and returning to riempire cinematografiche comes out as nonaccadeva ormai da due anni”.

Parole di soddisfazione confirmed by the person in charge of the cinematographic program, Sergio Fant. “The vigil of the Festival is stata segnata dalla preoccupazione per l’affluenza al cinema, in dramatic heat. Fortunately, it ends Italy K2 to the Teatro Sociale e dalle affollate proiezioni del primo weekend, the tension if it transforms into enthusiasm, we will recognize in the public the stesso piacere di ritrovarsi in sala e subito dopo per scambiare commenti e impressioni”.

We would love to say thanks to the author of this write-up for this amazing content

Trento Film Festival 2022: the genziana d’oro goes to the cowboy cileni di American Gaucho


We have our social media pages here and additional related pages here.https://star1015fm.com/related-pages/