The Whale Review: the return of Brendan Fraser is a capolavoro

The whale, elegant animal, maestoso, ma also synonym di paura, inflitta e subita. Impostosi nell’immaginario collettivo como metaphore de terrore interiore, objective of the distruggere and symbol of the perpetual secrecy of its classic short film like Moby Dick, or of the pinocchio In her Disney version, the whale does move in the ricordo, engulfing everything, interiorizing slowly as a body persi in the sea. Also, the sense of frustration, and the incomprehension that surrounds the image of the whale if the film, riversandosi in another picture of The Whalenew film di Darren Aronofsky presented at the 79th edition of the Mostra del cinema di Venezia. Un’opera nata e sviluppata per raccontare la vita del singolo, per elevando si a spokesman di un universale sorrow, with a Brendan Fraser gives Oscar.

I will fill the fame of pain

Charlie è un uomo che si nourishes del ricordo, feeding the malinconia by ingesting cibo. The mancanza del compagno, della abbandonata figlia e dei barlumi di una vita che par essersi dissipata como Coca Cola gettata nel lavandino, sono vuoti che devono essere colmati.

the whale v1 919080

Pizza, panini, sweets, other food is a mattone with which to build one’s own corporeal strength, a strength that stritola l’anima, dove la soddisfazione effimera de un momento di felicità appena assaporato, lascia ben presto posto all’amaro della solitudine. Charlie is the fruit of a process of authorship, writing and immagination of theatrical stamp curated by playwright Samuel D. Hunter (qui sceneggiatore dell’opera) ma quello che si prostra dinnanzi a noi, sudato, affaticato, eppure dolce e desideroso di un abraccio Say a smile, it’s a real thing, almost tangible. Una trasfigurazione ressa possibile dala cinepresa di Darren Aronofsky, ma soprattutto dell’intensa, spiazzante e tanto painful, quanto umana, performance by Brendan Fraser. The attacker is not limited, or costly, due to the prosthetic involvement of a physically imprigionated strati di grasso, perhaps, if he proved capable of landing and colpire il proprio spettatore emphasizing his force of his own protection. I suoi occhi del si fanno portali de emozioni e non detti, sentimenti capaci di farsi long nonostante gli strati di grasso. Perché in The Whale alone il corpo è bloccato; l’anima adesso flies, if leggera raises, nell’attesa di liberasi per semper.

The claustrophobia of malinconia

As his protagonist, even as the spectator enters Charlie’s house, for he rimanerci nell’arco di una setimana. Fuori piove, imperversa a continuous temporale, il cui grigiore e apetto uggioso, if it reduplicates e continua nelle stanze di una casa ammantata, it gives a cinematic, fredda and nebulous photograph. C’è a feeling of claustrophobia around Charlie, an anxious, slow, stagnant sense of breath, that Aronofsky risks restoring senza mai indugiare sull’impiego ossessiva del granangolo, how much piuttosto his wise use of lenti e riprese angolate in a suffocating 4:3 that tutto compremono, Charlie understood. La sua de sua è una regia morbida e allo stesso tempo statica; he osserva, ma senza mai esagerare, i volti dei propri personaggi, scrutandone e rivelando un’interiorità celata, repressa, mangiata.

The Whale Review the return of Brendan Fraser is a.webp

Such an imposing physique, il suo, da prevente sharing with i personaggi che gli fanno visits nello spazio di uno schermo. Eppure, Liz (la sorella del suo compagno Adam), la figlia Ellie, il timorato di Dio Thomas sono più vicini che mai a Charlie. I parrot sono legami indissolubili e allo stesso tempo precari, television intessute with the potenza della cinepresa di Aronofsky che ora li avvicina, ora li respinge. Un’armonia tra sguardi, corpi e parole, in a perfectly functioning giostra dove nulla è lasciato al caso ma tutto è maledettamente commovente ed empatticamente de impatto.

Il peso di una parola

I gave weight The Whale è un masso che schiaccia l’anima dello spettatore; he turns her on, distrugges her, suffocating her to free her. Non sarà Noè (protagonist, quest, of the controversial Noah di Aronofsky) ma for Charlie his house is his arka refuge that saves him from the storm that if Abbatte surrounds Lui, and if he testifies, he continues to visit Fargli, stabilizing a bridge with a sternum to which he will not agree and if he fears it, I will guard it.

1662831150 613 The Whale Review the return of Brendan Fraser is a.webp

For a costretto all’immobilità, the only force at your disposal is that of the parola. Da insegnante di lettere conosce la portata emotional e creatrice dietro ogni sillaba, at the heart of his ottimismo, insinuates in ogni singola lettera also a salvific potere, the stesso che affida a sua figlia, author of the comment to Moby Dick with which I will avoid (or ritardare) a fatal heart attack, and led to the return home of Thomas. Ma nessuno saves nessuno, and nessuno if he saves gives only. Consapevole di essere l’autore del romanzo della disfatta, Charlie also intends farsi promoter of her own redemption, in a last balzo verse a fragment of life, per ingoiare, in a sun boccone, l’ultima fetta di felicità.

We would like to thank the author of this article for this amazing material

The Whale Review: the return of Brendan Fraser is a capolavoro


Visit our social media profiles along with other related pageshttps://star1015fm.com/related-pages/