Forse sta finendo l’era in cui “ci sono troppe serie tv” – Il Post

Negli Stati Uniti gli ultimi vent’anni sono stati spesso definiti la “golden age of television” (“l’era dell’oro della televisione”): a particularly florid period if for how much it safeguards the quantity of TV series produced if for the parrot high quality, started around 1999 with l’uscita dei Soprano and continue poi with grandi successi come Mad Men, breaking bad and game of Thrones. Nella televisión sono arrivati ​​insomma tantissimi soldi, che poi via via si sono spostati sulle piattaforme di streaming: ma a lungo, per chi aveva un’idea più or menos buona per una nuova serie tv era piuttosto facile trovare qualcuno disposto a credere e investire nel project.

Negli ultimi anni infatti le tante piattaforme di streaming hanno avuto un disperato bisogno di nuovi contenuti originali per competere con un numero crescente di rivali, col risultato che l’offerta è stata vastissima e perfino excessive: da tempo è diffusa tratici, addetti ai lavori e simple spectators l’impressione che escano troppe serie, per la grande maggioranza di scarsa qualità. He sews but now they are changing the soldi to seed disposition it is in diminution. In an article south New York Timesthe journalist John Koblin has written that “the infinite offer of new programs that has contributed to define the era of streaming – spawning new series at a dizzying pace but also traveling to fans with an excessive amount of Celtic – sows finally slowing down” .

– Leggi also: How if fa a tv series

Second one studio dell’istituto di researcherca Ampere Analysis, the number of the new series in production of the televisivi channels and the piattaforme streaming and intended for the American public is estimated at 24% in the second part of 2022, considering all this period of 2021, And from 40% expected to 2019. I’m aware of an improvviso piuttosto heat, because in the first half of the year the sowed production will continue at its rhythm, and there will be an increase, for a total of 325 new series messe in cantiere.

In spring, but, it was not the first time a certain crisis arrived in the streaming industry: ad april, netflix aveva communicated Di aver perso per la prima volta nella sua historia abbonati a livello globale, 200mila en un trimester. The company has given the colla alle famiglie che condividono gli account ma soprattutto alla concorrenza, che «sta creando venti contrari alla crescita dei ricavi».

Il prezzo delle azioni di Netflix era crollato, così como anche quello di molte altre aziende di intrattenimento. Due to the concern for the widest economic crisis – which, due to the other things, has caused many to consider their own subscription to one or the other streaming services – if it is time to talk about many of the needs of generating profit, and not alone Nuovi abbonati da esibire nelle assemblee degli azionisti. to maggio, Bloomberg aveva published an article title “The gold era of television is finite. È comminciata l’era dell’austerità”.

“In part it is a question of tagliare and cost and control the heat of the prices of the trades, in part if it is about rethinking the frantic acquisition mode of the last five years”, he told the New York Times Robert Greenblatt, producer and former president of NBC Entertainment and WarnerMedia. Negli ultimi anni, infatti, è succeso anche che sia state authorized the production of series without fosse not soon the sceneggiatura.

The company that has no tagliato di più il serial number was acquired by the American public in the second half of 2022 on Netflix, Warner Bros. Discovery (including HBO) and Paramount. There are no problems with Apple TV+ and Amazon Prime, which I can’t tell you about the fact that the services of Madrid, Apple and Amazon, are very rich and are not available for now that the streaming services are not financially self-sufficient.

In this circumstance, I New York Times It tells that various agents are consigning to the parrot clients that I will not sell the proprie sceneggiature of aspettare that passed the moment of crisis. Altri, invece, stanno considering di proporre film, e non serie: «In net contrast with ciò che è accaduto per oltre 20 anni, gli sceneggiatori now turn on progetti televisivi and li convertones in lungometraggi perché saranno più facili da realizzare. La verità è che multi progetti degli ultimi 20 anni che avrebbero dovuto essere film sono stati trasformati en serie tv», has said the sceneggiatore Jay Carson.

The crisis, however, is mainly statunitense: gli acquisti di serie internazionali oppure dei cosiddetti programmi “unscripted” (come reality, talent show and giochi) continue ad andare benissimo.

– Leggi also: Tutti now a new “Squid game”

Second Koblin, but, gli spectatori non dovrebbero preocuparsi, if perché and tempi di production del serie tv sono molto lunghi e quindi ci vorranno anni prima di accorgersi de un’eventuale diminuzione dell’offerta televisiva statunitense, yes perché a diminuzione dell’offerta potrebbe essere in ogni caso un bene. “All the way, it could be a positive side for the spectators: reduce the volume of the series produced that could carry a percentage of the highest quality programmes”, writes the newspaper.

We would like to give thanks to the writer of this post for this remarkable content

Forse sta finendo l’era in cui “ci sono troppe serie tv” – Il Post


Take a look at our social media profiles and other related pageshttps://star1015fm.com/related-pages/