Apollo 10 e mezzo is a retro nostalgic tribute to the past world

05 May 2022 15:12

I made a prediction: I hope that my life will provide you with a temptation that is so intense that I say “ok, boomer” and walk, as if I had a vision of Apollo 10 and mezzo (Apollo 10 1⁄2: A space age childhood), the film by Richard Linklater is currently available on Netflix.

This animated film, made with the technique of rotoscoping Digital and other effects of 2D animation once in a while, it takes about a few minutes, ma, you have to save it all the way from the beginning in just one turn, compliments for your resistance capacity. And I don’t believe alle pubblicità che vi raccontano che si treat de un film su un quarta elementare selezionato dalla Nasa per testare una navicella spaziale che per errore è stata costruita troppo piccola per essere usata da un adult astronaut e che quindi finisce per diventare la first person to metter piede sulla Luna. Tutto ciò suona activante, ma è a mere trucchetto per incastrarvi e attirarvi in ​​questo sdolcinato tribute alla vita della famiglia type della middle class that lives on the outskirts of Houston, città dove Linklater è cresciuto proprio ai tempi del lancio dell’Apollo 11 verso la Luna , in 1969.

A sessantadue anni, the writer-regist-producer Linklater did not dovrebbe avere l’età anagrafica per sdilinquirsi di nostalgia as invece fa in this autobiographical film, who I suppose is simply old in spirit. Questo sguardo al passato, a return to an adolescent and romanzata version of his childhood, it’s slow, sentimental, sweet love for us, and costumi, and how to behave from the old time, which is difficult to support . And il fatto che Linklater riconosca so much in so much that he potevano also esserci aspetti negativi in ​​the world of allora, like for example the part his comes from the corporal punishment fossero commonly used and long accettate dai ragazzini che con mansuetudine subivano le botte da part of chiunque – Dai genitori, agli insegnanti, ai vicini di casa – non fa che peggiorare la situazione. His admiration for him because the world is so marked that he could be changed by a confusing nonnet, say that he continued to insist on his fat to have a sack of the bottle imprisoned, yes, ma di essere comunque venuto su bene.






Quel che è peggio è che la cultura americana degli anni ficinquanta continued ad andare per la maggiore nei sobborghi abitati dai bianchi delle classi medie, quindi in 1969 that this family was chiaramente inspired by that of the regista lives practically anchored as negli anni cinquanta, eccetto per qualche hippie I gave so much in so many spuntava fuori on the local college campus or for the new Beatles album in cui si faceva riferimento alle droghe. Apart from that, all the best for all the idea of ​​the large family (in the questa di figli ce ne sono sei) in cui ai papà spetta in compito di lavorare e guadagnare i soldi per sfamare tutti e le mamme, invece, stanno a casa, I prepare a sandwich with white bread, mortadella and insalata per pranzo mentre i figli si divertono making giochi salutari sul prato perfetto davanti a casa.

Oh, and non dimentichiamoci that the tv was allora fantastic! C’è una lunga e appassionata celebrazione della vast gamma di televisivi program – dark shadows, Gunsmoke, Vita da strega, lucy ed io e così via – trasmessi da quella new thing detta syndication, a gruppo emittenti consorziate tra loro. Also the merindine was super and pure the partite di dodgeball al parco giochi e il modo in cui i ragazzini riuscivano a farsi portare nei retro dei pickup senza preoccuparsi minimalmente por la loro sicurezza. Of the rest, practically tutto was great. It was a vera età dell’oro.

Dei piccoli accenni a contracorrente opinion appaiono quickly: “Lasciate I will lose the Moon and behave a bit of money to Harlem!” Said an African-American interviewed on TV

È incredibile leggere dalle sue intervened che Linklater does not think of this nostalgic state, not in a simple way not stuck, and he said: “I hate the nostalgic atteggiamento come instrumentalizzazione culturale a fin economici, moltissimo…”. Eppure sarebbe quasi impossibile find a less critical rappresentazione e più appassionata della culture that was dominant negli anni della sua infanzia della.

Dei piccoli accenni a contracorrente opinion appaiono velocissimmente. In a film that is dedicated to celebrating the greatness of NASA’s space program, with a brief parenthesis, his chi was not the opinion that it was magnificent. An Afro-American, interviewed on TV while the family watches over her, said: “Lasciate, I’ll lose the Moon and behave a bit of money in Harlem!”.

È la stessa citazione, dalla stessa interview, che appare in summer of soulthe documentary film of 2021, in which many spaces is dedicated to this argument and in which if it gives strong laughter to all the poetry of Gil Scott-Heron Whitey on the Moon (Un bianco sulla Luna) che è perfettamente calzante. In Apollo 10 and mezzo Invece queto di rifiuto finisce prima che lo si possa percepire. Dopo che la sorella maggiore di Stan, the toasty girl who loves rock and if interested in the rest of the world, says “Forza, avanti così!” and Stan’s father, a moralist tutto d’un pezzo with the typical taglio a spazzola da militare who works alla Nasa and directs the delivery spedizioni, responds with a smorfia di rabibia.

The technique and positive aspects
Obviously, the film has also been positive. In the complesso è ben fatto e poi nel cast c’è Jack Black, di new with Linklater dopo molti anni dal fantastico school of rockche fa un buon lavoro, albeit a bit marginale, nei panni di adult Stanley che fa da voce narrator of the film rivedendo se stesso bambino ossessionato dallo spazio.

Colpisce the technique of making the film, given the scelta of Linklater di return to use a modern version of the old technique of rotoscopingthe stessa used in 2001 in waking life in 2006 in A scanner darkly. Il dettaglio del mezzo di comunicazione in the film è un’ottima trovata, perché the famiglia constantly guards the television. Così Johnny Cash or Walter Cronkite or Dark Shadows, or qualsiasi altra cosa vada in onda, è reso più vago e astratto, in contrast to i tratti netti e decisi della “vita reale”. to say it with parole him dello stesso Linklater: Walter Cronkite nella tv fa un effetto type “è lui, ma non è lui. È il mio ricordo di lui”. His animated version of him gives you the impression that he is “leggermente sfocato.” È lui, la voce è la sua of him, ma ciò nonostante somiglia più a personaggio del mondo dell’immaginazione, dove vivono anche i ricordi.

Linklater in an interview has said to see that this style of animation per Apollo 10 and mezzo perché voleva dargli un taglio all’antica, bidimensionale, che è ciò che l’esperto di animazione che da tempo lavora con lui, Tommy Pallotta, has described eat “i cartoni del sabato mattina che incontrano gli anime”.

bisogna avere an enormous appetite per i dettagli della fin troppo familiare era di cui Linklater parla se si vuole rimanere sul film

Forse lo avrò notato soltanto io, ma trovo che il rotoscoping, In general, even when combining all the style decidedly più organico degli effects di animation 2D, it tends to turn out to be something serious and adult. Only on occasion that this technique gives the spiacevole sensation of restlessness of the disturbing zone that nulla has to vedere with i bellissimi, divertenti ed elastici cardboardi del sabato mattina che ricordo. Alcune immagini del giovane Stan nella capsula spaziale della sua missione di fantasia sono davvero bellissime e allo stesso tempo disturbanti, sembra si un raga rappresentato in maniera realistica, si un ragazzino alieno dall’aria solenne, solo, che fissa il pianeta Terra dallo spazio sconfinato .

Non è la prima volta che Linklater combines an interesting approach from the point of view of the form with a lungo sguardo amorevole a ragazzo that traverses the growth process. Whoever comes in mind boyhood? In the case I said Apollo 10 and mezzo but he had a huge appetite for and details of the end of the family era of which Linklater spoke if he would return to his film. Rappresents a true and proper follow-up to the nauseating Tutti vogliono qualcosa from 2016, così zeppo di rimpianto nostalgico; un’altra celebration romanzata di se stesso e di quella orribile cultura. In that case, the story revolves around a giovane giocatore of Texan baseball duck of sport who was the first year of college in 1980. What film vorrebbe farvi credere che Linklater ei suoi amici atleti pieni di sé, i “pezzi grossi” del campus , fossero amati da tutti, dagli sfigati del corso di theater ai punk.

In effetti è disturbing I will think that Linklater potrebbe stare ripercorrendo la sua vita al contraverso atraverso il suo lavoro – e che dopo questo film potrebbe arrivare fino ai suoi primissimi anni di vita negli anni sessanta e celebrali nello stesso modo antiquato, con la stessa noiosa cura per and detail. Poi immagino che dopo verrebbe la rappresentazione della gioventù dei genitori, negli anni cinquanta, a film that probably if chiuderebbe with the moment in which lui was not other than “un bagliore negli occhi di suo padre”, come si va in quei vecchi, gloriosi , or presumed tali, tempi.

This article is uscito sul quarterly statunitense Jacobin.

We would like to give thanks to the writer of this article for this remarkable content

Apollo 10 e mezzo is a retro nostalgic tribute to the past world


Check out our social media profiles as well as other pages that are related to them.https://star1015fm.com/related-pages/