Letteratura e postfotografia nell’era dei social

Già a partere dalla metà degli anni Ottanta, Vilem Flusser si interrogava sugli sconvolgimenti epistemici behavior dalla digital photography, recommending the comparsa dei confini fra originale e copia, realtà e simulazione, verità e menzogna, starting from the different meaning and ontological function of digital imaging; differently, since this stesse premesse, partiva a saggio of 1992 molto influent di W. J. Mitchell (da non confondere con il quasi onimomo theorizzatore del pictorial turn): The Reconfigured EyeI learn a way of rifles molto battuta che arrivava a ipotizzare, with our usual tendency to incrivere and fatti culturali of the present in an origin of posterità and essaurimento, a “dopo la fotografia” (like if it names a book by Richtin from 2012) , a dopo in cui l’immagine fotografica, to say it with le parole di Ferdinand Sciannalose “their prestige of the document, say royal traccia” and in cui “finiranno col re la ragione e il senso stesso del fotografare” (sono parole contenute nel volume del 2009 geometry and passion).

Può interessarti also

E tuttavia, le ricerche più convincing around quella che più recently Joan Fontcuberta has chiamato”post photography” I always put più l’accento not tanto sulla difference di “essenza”, fra la digital photography and that analogquanto, per chiamare in cause an other important text, sugli “usi sociali” (così Bourdieu) della fotografia, as it showed that the flood of images (dall’opera di Erick Kessles Photography in Abundance, 2011) posto sulla copertina della fury of the imagination di Fontcuberta.

A deluge that is difficult to quantify, ma basti dire che, secondo i dati raccolti da Keypoint Intelligence, In 2020 I am state scattate (and share) 1430 milliards of photos (It is worth reading the number per integer: 1,436,300,000,000) and this, regarding social use, in a certain measure of difference, but if it is simply an indifferenziata and spontaneous multiplication, I give a negli own change use of the image and that we invest aree diverse dell’agire sociale – from the political sphere to the performance of individual identity fine to the artistic sphere and to our rapport with the image.

copertine book "che ci faccio qui"

È all’interno di questo panorama che si colloca Che ci facto who? Scrittrici e scrittori nell’era della post-photography to cure di Maria Theresa Carbone (Italo Svevo Edizioni), a raccolta di dialoghi with sedici scrittori e scrittrici sul parrot rapport with Instagram and photography (il qui del titolo è appunto il social networks).

The demand that raccoglie queste conversationsand that pure tradition, the least part of the curator, a sort of disappointment or stupor of presence, is an invitation to ragionare sul rapporto fra la postfotografia, i social network, l’autorialità e le practice of writing.

Quello che colpisce è che nessuno fra gli/le interviewi uses Instagram as an integral support to all’interno of a multimedia artistic projectfoss’anche di simple performance auto-finazionale explicita (come può essere il caso di un scrittore quale Tao Lin), but simply ci sono, fanno delle foto, le condividono, semmai la construction dei loro profili può rispondere ad esigenze più o meno esthetic, that possono più or less consapevolmente incrociarsi con le proprie poetiche di scrittura, ma mai in maniera programmaticmente consapevole e progettata (ma, anzi, quasi semper all’insegna di un rivendicato dilettantismo – with the significant eccezione, naturally, by Sabrina Raguccithe only professional photographer in the group).

Allora, not so much the piano dell’indagine di una possibile poetica espansa e multimediale che si gioca l’indagine proposta da Carbone, quanto sul concetto di authorialità – che pure mai è expressly explicit, ma spesso rimane sottotraccia – sui rapporti fra scrittura e photography and sugli usi sociali (in this case da social) della fotografia che ne fanno scrittori e scrittrici.

At the time of the single response, which is the most interesting part of the volume and the comprehensive panorama, based on some questions that are constantly being raised, and that is pure non-citing both of the use of the questi 16 writers and fannotic writers of Instagram (something that , in bottom, non interesserebbe poi molto a nessuno), ma piuttosto di una serie di fear and form visive ricorenti nei loro profili que dialogo con un certo ruolo dell’immagine nelle forme letterarie contemporanee – voglio dire, cioè, quanto delle loro risposte rispetto alla fotografia ci dice sul panorama della contemporary letteratura.

A ben vedere, le immagini (i temi visuali) che emergono non sono poi molti: una forte tenzione a quello che Perec chiamava l’infraordinary: così, for example, Bortolotti, Mazzoni (“Vorrei rendere l’idea che gli oggetti di cui è fatto il nostro habitat dispensing with our presence and ignorance; vorrei fissarli così come appaiono mentre noi non li vediamo, mentre noi non esistiamo”), Giulio Mozzi (“forse è questo che, vaguely, uncertainly, surrounded by photography: l’insignificance”), or anchor Pecoraro (“Cercavo di riprodurre l’assolutamente insignificante. Ero, e sono tuttora, Circondato dal ordinary banale, come quasi tutti noi”); l’attenzione agli spazi vuoti, agli industriali building, or alle zone di province; il senso della registrazione interminabile (Tommaso di Dio speaking of a huge cave in Lascaux “di cui nessuno potrà mai farsi una mappa complessiva”); or ancora l’immagine como forma di annotazione (Carbé), di Diario (Falco and ragucci parlano di “diario in differita”, Sarchi di “archivio”, Nativo di “taccuino” e così via); il proprio corpo, il proprio viso spettralizzato in a selfie fatto its surface riflettente and in a certain opazzing measure, or il proprio viso (il proprio selfie) spettralizzato dal riflesso distorted di quello che lo sguardo vede.

Può interessarti also

The infraordinary that if tramuta in feticcio, the archive (also often feticizzato: come Mazzoni from this point of view “gli album of family and pornography if assomigliano”), the spettralità dei luoghi e dei corpi, included in an authoritative account, are probably the costanti Mainly that outlines the field of contemporary iconotestual production. It is particularly representative that this panorama is inadvertently delineated by a group that is only minimally or only tangentially if it is occupied by phototestualità (with the exception of the Falco-Ragucci copy).

A dispetto di molte delle dichiarazioni sui rapporti fr la propria scrittura e l’immagine – considerati talvolta in senso collaborativo o, tutt’all’opposto, como conflittualità, “fredda war”, così Mazzoni (either Emanuele Trevi: “writing is the opposite of photography”), or, anchor, possibilità di scarto e individuazione di una possibilità espressiva.

Può interessarti also

Say “lotta” for Ragucci, giocata sull’opacità, ma di una opacità constructiva, (I’ll just think about all’Alalphabeto della distruzione, il contenuto visual labor in Flashover), di commissione for Carmen Gallo, describing her interest in a type of “ ibrida writing, che intreccia immagini, suggestioni letterarie e riflessioni saggistiche” – com’è il suo Cartoline (stravaganti) dalla Terra Devastata published your antinomy e il cui modello, nonché più felice esempio italiano, è con ogni evidenza La vita dei dettagli gave Antonella Anedda. A dispetto di molte di queste dichiarazioni, como detto, quello that emerges complessivamente è l’intercettazione delle maini tendenze (talvolta delle più felici, altre delle più alla moda) di interrelazione, scontro o dialogo che sia, fra parola y immagine fotografica nella produzione letterarie recenti, una intercettazione, tuttavia, obliqua, quasi inconsapevole, which takes the form of the autorappresentazioni che questi sedici scrittori e scrittrici fanno di se stessi, del propio stare – anzi fare – su (o “in”, como preferisce Giulio Mozzi), but also through Instagram.

Scopri our Newsletter

We would love to say thanks to the author of this article for this awesome material

Letteratura e postfotografia nell’era dei social


Find here our social media profiles as well as the other related pageshttps://star1015fm.com/related-pages/