“Il nazista che visse due volte. Caccia all’uomo che liberó Mussolini” di Andrea Frediani

È di questi giorni la notizia che in Germany is not a state arrest a window of people who prepare a colpo di state for riproporre il Reich hitleriano. Risulta quindi di particular attualità il romanzo storico di Andrea Fredianiapproved by Newton Compton, Il nazista che vise due volte. Caccia all’uomo che liberó Mussoliniwhich has come under the title of the argument that in the book comes accurately narrated, the caccia all’uomo, otto skorzenywho became famous for being released in a bizarre way benito mussolini When he was state condoned on Gran Sasso, immediately after his dismissal and subsequent arrest on the night of July 25, 1943.

Il duce was infatti transferee status in Germany, ospite dell’amico Adolf Hitler, who did not want to abandon him.

Il libro di Frediani, nelle sue oltre trecento pagine fitte di avvenimenti e di rimandi storici, racconta le storie di due personaggi di fantasia, Eleuterio Rea e Ada, le cui vicende private si intercciano con i tragici avvenimenti della grande storia nella quale si trovarono coinvolti uscendone a stento, dopo aver rischiato la vita in a series of events always più complessi che furono costretti ad frontare.

Eleuterio/Terio è uno studente di lettere di Cassino. His brother Alfredo dies annegato and if he feels responsible for that death he suffered, he decides who would ruin him to spy on him.

Ada invece è figlia di a donna abandoned by her father: it was the Austrian military giovane Otto Skorzeny.

After a terrible childhood spent in a college per orphan, her mother dead in her brotherhood, Ada decides that her life will have only one scope: to avenge the atroce fate of her mother. La vendetta è da compiersi uccidendo Skorzeny, che nel frattempo è divenuto uno degli uomini più importanti del Reich, vicino allo stesso Fuhrer dopo la fortunata impresa della liberazione di Mussolini al Gran Sasso.

Terio if she fell permanently in love with Ada, I will serve her as the sole servant of the love and devotion of Lui to carry out her project of vendetta, which occurred in the head of the lady one vera and her own possession. Frediani ci accompagna nell’inferno della storia europea durante gli anni conclusivi del secondo conflitto, mettendo i suoi personaggi de él al centro di una vicenda of spionaggio, di doppio e triplo gioco, dove non si sa più quali siano i confini del bene e del male. Terio, che come infiltrato riesce a introdursi presso l’elite nazista, accolto con un sorta di affetto dallo stesso Skorzeny, vedrà da vicino gli orrori di cui i nazisti si erano macchiati, visionerà sinza ombra di dubbio le realtà delle camere a gas, delle Mass casualties in Europe of the occupants of the Hitlerite truppe, non potrà chiudere gli occhi di fronte a quanto poi, alla fine della guerra, si cercherà di negare e occultare. La vienda privata della strana coppia Terio/Ada si intreccia in quella della Storia che, anche nel dopoguerra e fino ai nostri giorni will continue to disturb the coscienze di chi crede nella democrazia, nella giustizia, nel confine certo tra bene e male.

I Nazisti who found refuge in South America, followed by the Mossad and Wiesenthal, alive who in the romance of Andrea Frediani an other part of the story non-reported, and duque interesting and equally involving to livello emozionale. C’è molta invenzione nel libro, ma c’è also molta realtà storica, ben documentata, che è bene non dimenticare mai, continuing to vigilare sulle conquiste democratiche ottenute dopo stragi e sofferenze inenarrabili.

Il personaggio di Ada De Angelis, la sua furia quasi folle, la sua ansia di vendetta scaturiscocono certamente dalla sua storia personale, well ricostruita nel libro; Tuttavia è particolarmente interesante l’analisi della vita e dell’atmosfera che ragazzine come lei, orfane o abandonado, furono costrette a subiré nel cosiddetto collegio, in questo caso un struttura nei pressi di Roma, il Vittorio Emanuele III di Ostia, che fui in Realtà un vero e proprio lager, in cui sevizie, umiliazioni, privazione della dignità da parte delle suore cattoliche, costrinsero molte di quelle giovani donne alla follia.

There is also an interesting autobiographical part in the book, which the author chiarisce in the post-writing, which gives an outstanding chiave di lettura dell’intera narration. Partigiani, nazisti, ufficiali della Wermacht, traditions, collaborators, martiri, americani, inglesi, argentini, comunisti, fascisti, ebrei, vittime e carnefici, all sono rappresentati in this vast affresco di Andrea Fredianiche, departing from Vienna in 1928, ci compagna fino all’oggi, with nuove guerre che inaspettamente ci minacciano da vicino.

We want to thank the writer of this post for this amazing content

“Il nazista che visse due volte. Caccia all’uomo che liberó Mussolini” di Andrea Frediani


You can view our social media profiles here and other related pages herehttps://star1015fm.com/related-pages/