BULKY by Raffaella Simoncini (Neo Edizioni): incontrovertible with the author

“Bulky” by Raffaella Simoncini (Neo Edizioni, 2022): incontrovertible with the author and a brano stratto dal romanzo

* * *

Raffaella Simoncini He was born in Milan and lives in Pescara. She frequents laboratories and theater spaces, she studies creative writing at the Scuola Macondo. She is with the fondatrici dell’Associazione FonderieArs, which deals with art and theater. Ella alle otto she timbra il cartellino e nel tragitto verso il luogo di lavoro she imagina storie. She affida alla trasfigurazione del romanzo hers her experience della malattia e scrive bulkyhis literary esordio.

Abbiamo chiesto all’autrice di parlarcene…

* * *

«The idea at the base of this romance found the roots in my personal story», has been reported Raffaella Simoncini a Letteratitudine. «Now I bring the cancer to 25 years and now I see that experience in the only way for me possible: with intensity, rage, irony. La malattia però in “Bulky” is not the undisputed protagonist, but a contingent element, a narrative pretext, thanks to which it relates to a story that speaks of you in suspense, of transformation and of an improbable and visceral friend.
https://star1015fm.com/wp-content/uploads/2022/12/1671095013_91_BULKY-by-Raffaella-Simoncini-Neo-Edizioni-incontrovertible-with-the-author.jpgThe two protagonists, Luce e la Cuoca, if they find an ill-fated parrot in a stanza d’ospedale: non potrebbero essere più diverse per età, professione, approccio alla vita. Costrette to share one space esiguo e ristretto, with il passare dei giorni quel luogo diventerà semper più lo specchio delle loro existenze, in a gioco di contrapposizioni tra ciò che accade inside e fuori le mura ospedaliere. While his Corsican life continues his prefissati binari that led him credevano essere fatti apositamente per parrot, the malattia arrives: and with his arrival cadono i capelli, the sense of taste if he loses, the hallucinazioni uditive accompagnano le notti insonni and sentimenti fine At that moment I sopiti I come to Galla. Luce, jovane e brilliant avvocatessa, è una donna apparently controllata. La Cuoca, next door, condisce ogni parola di rabbia e disgusto. Thing unisce him? What will transform the parrot, which begins with insouciance, into a legacy of deep and tenacious friendship? The certainty of something incomprehensible, uncomfortable, that occupies a space that it does not occupy. “Bulky” is a metaphor for all that ciò che ci toglie il fiato, e che rende la vita only mere sopravvivenza. I cambiamenti físici imposti dalla malattia causano dei deep cambiamenti interiori nelle duestariste: l’energia si propaga como un’onda d’urto e travolge anche i familiari che gravitano attorno a Luce e alla Cuoca, che ne usciranno irremediabilemente cambiati a loro volta. Can I be a proper libertà retrovata all’interno di a luogo limited and asetico like l’ospedale? Can the physical costrizione farci compredenre le costrizione mentali che fino ad un attimo prima pensavamo esere parte necesaria delle nostre vite? During a fatto di rinunce e di rivincite journey, all i personaggi saranno alla fine nudi, ridotti all’essenziale. Di fronte ad uno specchio che ormai non fa più paura, chi senza capelli, chi senza cravatta, chi senza foulard, chi senza sigarette, sapranno di aver traversato un mare en tempesta e di esserne usciti con qualcosa in più: un’immagine nuova di be stessi».

* * *

A brano stratto da “Bulky” di Raffaella Simoncini (Neo Edizioni, 2022 – stratto pag. 11-14)

Bulky_Raffaella_Simoncini

PRAY 4.00

La Cuoca è la peggiore compagna di stanza che mi sia capitata negli ultimi quattordici mesi.
Also now, during the ennesima passeggiata nocturna, sbatte contro la sedia, il tavolo, la porta, il letto mio, il comodino, la sbarra, il letto suo. She always does it, and always in quest’ordine. He chiude deporte le con prezzo, accende luci che poi non spegne, apre tiretti malfermi, ciabatta impunmente sul linoleum, molla bestemmie.
Di giorno strepita, senza sosta e cognizione dei decibel. She does regret the pasti, that she brutally commands indietro, mangia in piedi like i cavalli, if she siede sul bordo del letto in camicia da notte, a gambe larghe, and sottolinea rumoramente mancanze che non esistono. It occupies the only table available with vestaglie, calzini, bicchieri, fazzoletti, succhi di frutta, rotoli di carta, scatole di wafer lasciate a metà, caramelle, giornali, and a husband accasciato lì, soon ad affogare nel mare di bile che lei gli rivera control She risks slipping into a bagno always first, tell me and always a bagno appears neat, and remains inside for an interminable time; I fear that my cousin or I will lose my hair, so much is the force with which if I wash, and I turned the dream that runs through the corridoio with muscoli and organi in view while I strofina with a spazzola di crine and if I getta sul cranio scoperto interi barattoli di borotalc.
It is within the seven days, and sows seven months.
I capelli comes out and pepe (li ha ancora, lunghi fino al sedere) li has proudly legati in nobili code di cavallo. She has gli occhi scuri e accesi, le mani forti, il viso di chi has vissuto mangiando sabbia e spalando merda.
shake me It is a continuous death that does not give me peace. Finirò per picchiarla, appena ne avrò la forza. He stringeró the tube of the phlebo around her neck fine to farla rantolare. Fine to her, finally, she will fry in silence.
È notte e sono nel mio letto immobile, le do le spalle. Lei trascina la sedia e mi si para davanti.
«È inutile che fai pretenda di dormire. Ti ho capita, sai? Tu pensi di essere meglio di me».
L’alito unhealthy if he incolla alla mia bald head. I muscoli del collo si irrigidicono, il battito increases; Cerco di calmare il respiro ma sono en preallarme, una supravvissuta a che shipwreck that prays, a still mare, intuisce the arrival of a new storm.
All’improvviso, il sono del campanello mi colpisce in pieno volto, lo stomacho reagisce facendomi scattare in avanti. L’infermiere arrives, blocks the alarm and accendes the light. Il bianco lattiginoso della stanza mi avvolge.
“Grazie a Dio l’hai spento” fa la Cuoca.
“What happens?” chiede l’infermiere.
«Ha suonato lei, io miero alzata per andare in bagno».
«Ma io stavo dormendo».
«Seven only in due, qui. Una di voi dev’essere stata».
«La notte si agita così tanto che secondo ha chiamato per sbaglio» continues the Cuoca.
«Scuse, where does the campanello have it?» fa lui, upset.
«I have it here, I live by the kitchen… the joker does not arrive, the cave is short».
«Ma has it, it takes one movement to make it sound».
La Cuoca lengthens her braccia and squats her head, spazientita.
«Now we postiamo il comodino, così il problema è risolvo. A lei il comodino qui non da annoyance, vero?»
«Ma figurati, l’importante è che riusciamo a dormire».
L’infermiere ci lancia sguardo lo arreso di chi vuole solo buttarsi di nuovo sulla brandina, finire il turno e return to breathe. He spegne le luci, accosta la porta e se ne va. Ma subito la Cuoca accesses the night lamp of her bed, if she feels like it and starts pettinarsi slowly.
“Would you spare her, please?”
“Perché?”
«Vorrei will try to sleep».
“Se volevi dormire, non dovevi suonare il campanello.”
“Ma non l’ho sonato!”
“Ah, quindi sarei stata io?”
«Cousin, while I’m asleep, I read if I’m avvicinata per parlarmi. Forse in that moment…»
«Parlarti? Io ragionavo tra me e me».
«Senta, lei mi ha parlato, e per farlo si è appoggiata al mio letto e ha suonato il campanello».
«Ah, quindi non stavi dormendo».
“Stuff?”
«I am a riflettere his quest disgrazia che mi è capitata e tu, che invece fai feint di dormire, ti metti a origliare i miei discorsi?»
“Non stavo facendo feint, ho il sonno leggero, per cui è facile…”
«Per cui è facile che ti sbagli».
Rotate the spazzola in aria and raccoglie a node di capelli morti che lascia lì, sul tavolo.
My turn and circle I concentrated on his qualcos’altro. La spia rossa dell’infusore a pomp, in questa eterna penombra sfocata, è l’unico fermo point. Decido di non spostare gli occhi da lì. I don’t sleep, but I don’t want to read it. Non voglio che ricominci a parlarmi. The red point starts to vibrate and the vibrations if it is transferred to my body. Poi dondola da lato all’altro, è un panno che sventola davanti a un animale selvaggio.
I feel the Cuoca rise up from the seat. Chiudo gli occhi, stringo le palpebre fino a che guance le mi fanno male.
Couraggio, forza, speranza: non c’è più posto nel mio intestina, nelle mie osa. My body is saturated. Only one filo rosso subtracts to have insieme i pezzi. La rabbia, lucid e controllata, è tutto ciò che mi è rimasto di humano. Non sarà questa donna a portarmela via.

(reproduced reserved)

© Neo Edizioni

* * *

The schedule of the book: “Bulky” by Raffaella Simoncini (Neo Edizioni, 2022)

Bulky - Raffaella Simoncini - copertinaThe author part of his own personal experience for a romance that narrates the malattia and the amicizia through due to whom he joins a stanza of the hospital and dalla dam of conscience to fly will change his own life.

Luce è in ospedale. In the cartella clinic she has found an English term: bulky. Ecco il nome della sua malattia de él, di quel tumore rare che bisogna asportare. A name that arrives ad abbracciare also la freddezza e l’asetticità dell’anamnesi, delle terapie, della convalescence.
Come compagna di stanza ha una donna anziana, inosportabile. Un’ex cuoca arrabbiata con il mondo, di quella rabbia che ella ferisce perché ella dice la verità.
But Luce il tempo sembra fermarsi, il senso di inadeguatezza grows, i giorni incespicano in a grammar nuova, che due donne dovranno imparere per scoprire di avere in comune qualcos’altro oltre la malattia: un conto in suspeso con le proprie vite.
Bringing inspiration from his own vision, Raffaella Simoncini racconta di due destini che, ill-fated parrot, if he entered in a present without più certezze. And she does it with a romance in which this present has an unexplored fondal of scandals to raggiungere the surface and laugh at scissoring via, like origami di carta che the protagonist faceva of her with her she nonna da bambina.

* * *

© Letteratitudine – www.letteratitudine.it

letteratitudine / LetteratitudineNews / LetteratitudineRadio / LetteratitudineVideo

Follow your Facebook Twitterinstagram



We would love to say thanks to the author of this post for this awesome web content

BULKY by Raffaella Simoncini (Neo Edizioni): incontrovertible with the author


Discover our social media accounts as well as other pages that are related to them.https://star1015fm.com/related-pages/