“Al di qua del fiume”: the real utopia of the villaggio Crespi in the romance of Alessandra Selmi

“He begins the future. Nessuno sa davvero come sarà. C’è chi dice che sarà migliore, chi invece resta scettico e chi non si sbilancia. “Ci sarà lavoro per tutti, per tutto l’anno”, one prophesies, versandosi da bere”.

A triangolo di terra di ottantacinque ettari, dove il Brembo si butta nell’Adda: agli occhi del piccolo Silvio Crespi is only terra incolta. His father Cristoforo invece è gonfio d’orgoglio, lui vede tutto nella sua testa of him, I stabilize itil canale, la ciminiera, gli edifici con le stelle a otto punte, both netta è in lui l’immagine della sua ideal citya village operaio, a factory that is a human settlementdove vivere e lavorare.

hey 1877 when it takes shape The utopia of Cristoforo Crespi.

Diceva Adriano Olivetti let a dream sow a fine dream when not if it starts to work. “E allora può diventare qualcosa di infinitely più grande”.

To the di qua del fiume gave alessandra selmi (Nord) is the story of primo villaggio industriale in Italy, Crespi: a son diventato a grande realtà, a cavallo tra mondo contadino e mondo industriale, a site all’avanguardia, ea misura d’uomo. I instinctively acknowledge the importance of the service as a direct dei lavoratori, Crespi has fatto suo il dovere sciale di garantire a future agli uomini e alle donne del suo cotonificiomettendo davanti a tutto il loro benessere.

“Gli uomini non dovranno come from the lontano, looking for energy and precious time in the tragitto; Living who and the factory will sarà the second home parrot. Ci saranno ache un emporio e albergo, le stalle, tutto il necessario”.

Case with ortho, a school, an ospedale, a cimitero: the villaggio Crespi was not only autonomous and allow one healthy and easy lifema last night beautiful. The true revolution of the social intervention risiede own in questa consapevolezza che unisce i progetti di Crespi e di Olivetti: responsibility for beautythat is a direct, perché gli uomini circondati da beauty lavorano meglio.

That sogno diventato “infinitely più grande” has changed the lives of so many people and has been rappresented a true example of welfare di chi aveva a cuore prima delle macchine, le persone.

“Noi siamo inprenditori del cotone grazie agli uomini, e agli uomini dobbiamo ogni cosa. Because of this, it is important to know your tutti, di persona, i tuoi operai”.

Può interessarti also

È own sweet person that Alessandra Selmi built her story of the last fifty years of her life Villaggio Crespi: not just one history of the printerma una storia umana, che incrocia universi sociali acomunati da un solo progetto.

To the di qua del fiume è un’epopea di sognatori, printer and operate, Diversi per opportunità, uguali nella coscienza di a change possibile. Perché la visione resa realtà dai Crespi è stata proprio quella: the hope of a different domain.

For gli operai che fin dal primo giorno, in the mud, if dannano per construire le basi del cotonificio, e poi occupano le casa, crescono le famiglie, vivono, lavorano, il villaggio rappresenta il sense of a change verse the dignity of a life vissuta per bene.

carlo and amelia sanno che la figlia Emily I will wait in a future of freedom, perché oltre al lavoro, c’è la scuola, lo studio che permette di non essere schiavi. Per Luigi c’è a seconda possibilità come oste, ed è solo grazie a quella solidità che suo figlio potrà a giorno I will raise my head and think big, all’America.

The village is a world described as a society, con tutte le sue disgrazie, le fatiche del lavoro, la sua quotidianità vera, la coesione. C’è alla base la caparbietà hard e pragmatica di Cristoforoan ostinato uomo, who knows the value of his danè, who thanks the Crespi sente di essere complete progetto, proud of specchiarsi riflesso nella beauty della sua pinacoteca, ma also nello sguardo dei suoi operai, gave benevolo capace di sedersi con loro de fronte to a piatto di zuppa. Perché se i capitali y el cervello sono de casa en el lussuoso apartamento di Milano, el cuore Crespi batte a Canonica, negli ottantacinque ettari di terra che gli investitori sufficienza sufficienza. Cristoforo è un un solido, ed è tutto nella raccomandazione con la quale he si congeda dal figlio del figlio: Tegn de cönt robs me.

Può interessarti also

L’affresco umano di Alessandra Selmi abbraccia the confrontation across generations: the preveggenza del figlio Silvio segna a flowery period per gli affari, with the birth of the centrale di Trezzo, e embraces politics, the pubbliche relations, ma anche il conflitto umano di chi si sente imprigionato al senso del dovere. Silvio renounces all’amore, to giornalismo, to an idea di vita that aveva sperato per se: it’s not just a liberal spirit, it’s the practical sense of the fondator that, like a tengitt, a dyer, knows the sacrifice and considers it indistricabile dal lavoro e dalla famiglia. Silvio ne è l’eredwith i suoi privileged and it sued him frustrations: imprenditore e politico sfrontato, è uomo solo che di nascosto piange le sue paure. Only Emilia knows him thoroughly, even when he was a baby, and he is an active part of the village. Loro, così diversi, così uniti, sono i volti di a project of the community destined to live forever, to remember all things and Crespi have created, the ability to dream.

“«Certainly you and your family have an entire villaggio, and it is not a small thing, but it is not the most important thing: i Crespi have given a sacco di persone un’esistenza dignitosa, the fiducia in a migliore domain, un posto dove crescere i figli e invecchiare serenely circondati dalla beauty. A community of cui to feel if an integral part»”.

E se il sogno Crespi has increased the force of realization, the dignity of failure It has equal support and merit equal respect and admiration. The war, fascism, the crisis of the sector, the lotte operaie: al di là del fiume il mondo if it transformse tutte le difficoltà si riversano sulla ditta Crespi, che cede il cotonificio, ma non toglie luce alla memoria di ciò che è estato.

To the di qua del fiume is a captivating romance perched deeply trueand nella sua coralite Say your voice, semplici or privilege, it risks restoring life to a microcosm that if ripopola di famiglie, di capannelli di donne al lavatoio, di bambini che giocano in stradadi uomini che varcano i cancelli della fabbrica, di treni diretti in ogni part of the world, del sciur Crespi che si aggira attento a tutto ea tutti (“L’è töt a post?”).

In mezzo alla nebbia that comes out of the fiume, the penna di Alessandra Selmi, that is titolare dell’agenzia letteraria Lorem Ipsum and insegna editoriale all’Università Cattolica di Milano, fa affiorare, col mestiere e con il heart, i outline di storie emozionanti e realiSay brave people, say love, sacrifice and freedom, that insieme hanno reso possibile a project that deserves senza dubbi in the shadow of this heritage of tutta l’umanità.

Scopri our Newsletter

We wish to give thanks to the author of this post for this awesome material

“Al di qua del fiume”: the real utopia of the villaggio Crespi in the romance of Alessandra Selmi


You can find our social media profiles here and additional related pages here.https://star1015fm.com/related-pages/