Tanti messinesi at “Lucca Comics & Games”: ecco cos’è

Social pothole invades the costumi, personaggi, fumetti e frasi di cardboard e cinema: the reason is simple

LUCCA – Le bacheche di tanti messinesi sono invaded the photo of train and air, pullman and audio, with a single precise reference: if it goes to Lucca. Ma come mai improvvisada da Messina molti si recano nella toscana cittadina, si son chiesti coloro i quali, invece, restano in città anche per il ponte dell’1 novembre?

Il Lucca Comics & Games

Lo hanno fatto per poter attendere al Lucca Comics & Games, a manifestation considered quasi da pellegrinaggio per i tanti appassionati di fumetti, manga, anime e videogame, che da tutta Italia ed Europa raggiungono la Toscana per poter impersonare i propri beniamini, find addetti ai lavori, registri, attori, disegnatori famous, and poter simply fare a selfie or get an autograph.

The international fair puts its dream origins negli anni ’60. The first edition rose to 1966, when it opened “Salone Internazionale dei Comics”, first in 1993 it changed its denomination and typology of manifestation, putting the base for the current “Lucca Comics” that we all know. Arte e cinema, fumetti e letteratura, si fondono in un’experienza unica alla quale tanti messinesi non renounced. Chissà se un giorno, with a scene di fumettisti semper più viva en riva allo Stretto, non si possa organizzare qualcosa di simile.

Il racconto di Enrica

“I go to Lucca Comics in 2014 – says Enrica Pirri -. The festival was born as the exhibition of the music, because of the piano playing, it has used the entertainment at 360 degrees: giochi da tavolo, videogames, film and now music, as in the case of the concerto di ieri sera by Cristina D’Avena. If it’s a beast, the entire city is involved: I’m Lucca’s death and the building, church is consacrated, chiostri, ad ospitare le varie mostre e gli eventi. And adesso is also used on the front stamp to create content: this is Tim Burton’s status for talking about his new TV series, in passing with the store because of the work we did to carry sviluppatori di famous videogame”.

Cosplay, photo and stand: spettacolo per tutte le età

“E poi – continues the messinese, veteran of Lucca Comics per motivi lavorativi – ci sono i cosplay: fan di manga, giapponese animation, videogames, molti dei quali historically if cucivano da soli i costumi mentre now if I can also buy. Messinesi? Tantissimi. Se ne contrano molti in ogni edizione”. Enrica continues: “The thing that goes to me, per invogliare i fan, is the creation of photo opportunity, cioè il set in cui scattare le foto che ricordano il prodotto che ti piace. Another thing, darling, I’ll stop: I do organize per far I’ll find all the cosplayers of this theme. Ma secondo me the più beautiful thing è vedere così appassionata people, che apetta anche 3 or 4 ore in queue to enter a padiglione anche just for a gadget or a photo. And include tutti, dai bambini piccoli agli anziani, si vedono cosplayer di ogni età: questa per me è una cosa davvero speciale”.

Lelio Bonaccorso messinese protagonist

E che the messinese scene sia in forte espansione lo si capisce da artisti como Lelio Bonaccorso, che ormai da anni pubblica in tutta Europa, carrying in alto i colori della propria terra. Lui, inside Marco Rizzo, has presented to Lucca Comics the last fat parrot, Il mio amore per Monna Lisa. Ma il futuro chissà cosa nasconderà: “A French project”, has commented the author messinese own qualche giorno fa.

We wish to give thanks to the author of this short article for this incredible material

Tanti messinesi at “Lucca Comics & Games”: ecco cos’è


You can find our social media pages here and other related pages herehttps://star1015fm.com/related-pages/