Quest’anno alla Biennale di Venezia – Il Post

On April 23, Venice opens the 59th International Art Show, commonly known as “la Biennale”, named after the organization’s foundation. It is one of the most important and long-standing exhibitions of modern art in the world, and the largest in Italy. Born in 1890, his initiative of a group of local intellectuals and at the beginning was thought of as “a biennial series of artistic exhibitions, partly free, partly invited”.

The 59th exhibition — che rimarrà aperta end to November 27 — He has signed if the return of the Art Show to Venice, after three years of pause due to the pandemic and the alternation with the Biennale of Architecture, if the return of the public under normal conditions. The only restriction anchored in force governs the use of the mascherine, richiesto all’interno dei padiglioni, soprattutto quelli completely chiusi.

In the course of the year the Biennale is spread in all Venice, the island of the lagoon is comprised, it has always been the main center and the old Giardini di Castello, built at the beginning of the Ottocent period its Napoleonic decree and well-known perlopiù with the name of the exhibition that ospitano .

Cecilia Alemani, the curator (AP Photo/Luigi Costantini)

Prima di essere adibiti quasi intermente alla Biennale, i giardini ospitavano, after the other sews, an elephant donated alla città nell’Ottocento dalla famiglia reale Italiana, che i veneziani chiamavano “Toni” or il “prigioniero dei Giardini”. Entering the central padiglione — the main structure of the exhibition — the public comes accompanied by the statue of an elephant, made by the famous artist Katharina Fritsch, awarded with the Golden Lion for her carrier. The statue, in that position, is stata voluta dalla curatrice di quest’anno, Cecilia Alemani — già direttrice artistica del parco High Line of New York — che con un richiamo alla vecchia attrazione dei veneziani suggestisce il filo conduttore della mostra, intitolata Il latte dei sogni.

Il titolo si rifà a quelo di un libro por bambini della scrittrice e illustratrice britannica Leonora Carrington, set in a fantastic world popolato da creature mutanti nate dall’immaginazione. Esmpi di queste creature, rivisitate, Circondano all’esterno il padiglione centrale, per poi ripresentarsi negli altri luoghi della mostra.

Starting from Carrington’s imagery, Alemani has thought of an exhibition that does away with his three fears: the representation of the body and the metamorphic parrot, the relationship between individuals and technology, the connection between the body and the Earth. With questi temi, the Biennale proposes più in general a less anthropocentric vision of the world. «The pressure to exercise the technological change, the acuirsi of the social tension, the scoppio of the pandemic and the incombente mining of environmental disaster in the world that we are not invincible in and self-sufficient, part of a symbiotic network of interdependence that the legacy gli uni agli altri, alle altre specie e al pianeta nel suo complesso» ha spiegato Alemani.

1652456304 857 Questanno alla Biennale di Venezia Il Post

Il padiglione svizzero (AP Photo/Luigi Costantini)

The Biennale di quest’anno hosts the work of 213 artists, the largest part of the quality allestite negli spazi espositivi assegnati alle nazioni partecipanti, alcune proprietarie dei padiglioni fin dagli inizi del Novecento, such as Belgium, Germania, Ungheria e Regno Unito, altre ospitate in spazi temporanei. La maggioranza dei padiglioni si trova tra i Giardini e l’Arsenale, ma se ne trovano not solo sparsi in all the città — from Giudecca to piazza San Marco — ma also in alcune isole della lagoon, come to San Servolo e sull’isola della Certosa.

Alcuni padiglioni, like those of Denmark, Saudi Arabia, Svizzera, Austria, Romania and South Korea, are strictly associated with the theme of the quest’anno, in an obvious piuttosto way, with installations that propose creatures and immaginative atmospheres, consuming environments of the time , elementi naturali in lotta per la sopravvivenza e analisi di relazioni umane, also intime (come si può vedere nel padiglione romeno). Quello italiano, invece, si trova all’Arsenale ea difference delle edizioni passate hosts a single great opera by a single artist, Gian Maria Tosatti. Story of the Notte and Destiny of Comet racconta in due parti the story of the Italian economic miracle, after industrial and domestic scenes, and with the help of some visive citations and letters, come The Lucciole of Pasolini. L’opera si riconnette quindi al complicated rapporto tra uomo e natura.

As always, but, and so much luoghi della Biennale permettono even di vivere la exhibition in a personal way, from diverse experiences and apparently non-collegate tra loro. In the case, for example, of the padiglione del Regno Unito, vincitore del Leone d’Oro per la miglior partecipazione nazionale, divided in diversity spazi in cui cantanti britanniche if he is ibiscono, insieme or individually; or say that greco, che ospita l’installazione Oedipus in Search of Colonus of the registry Loukia Alavanou. To see it if it comes accompanied all’interno del padiglione, dove in the buio if I have a dozen postazioni predisposte for the increased realty. At what point, if it comes isolated from the surrounding environment and indossando a viewer if it comes proiettati in a field rom a Nea Zoi, nei dintorni di Atene, dove attori locali improvvisati recitano l’opera.

1652456305 606 Questanno alla Biennale di Venezia Il Post

The presentation of the padiglione statunitense (AP Photo/Luigi Costantini)

An other padiglione that if you notice easily is that statunitense, the structure in the neopalladian style is stata ricorvertita in tribal architecture that già da lontano anticipates the theme of the installation, realized by the sculpture Simone Leigh: the artistic tradition of Africa and the African diaspora .

Oltre ai padiglioni nazionali, tra i giardini e l’Arsenale si trovano cinque cosiddette capsule storiche in cui Alemani, the Italian prima donna to curate the Biennale, has volunteered to join the opera and oggetti from all over the world that approfondiscono i temi della mostra e che I present «artiste e figure culturali il cui lavoro è estato adombrato nel corso del tempo da narrazioni predominantly maschili».

Nell’edizione di quest’anno has influenced inoltre il contesto internazionale in cui è stata organizzata la mostra. Il padiglione russo, una delle strutture più grandi nei giardini, è chiuso: a febbraio il curatore e gli artisti si sono dimessi dopo l’invasione dell’Ucraina, canceling the parrot participation. A few meters from the Russian building — sorvegliato da guardie giurate dopo le proteste dei primi giorni — is stata allestita in a green space la cosiddetta “piazza Ucraina”, dove alcune opere encirconano una pila di sacchi di sabbia, como quelli usati por proteggere i monumenti dai combattimenti. Il padiglione ukraino, invece, è all’Arsenale ei curatori sono gli stessi.

1652456306 302 Questanno alla Biennale di Venezia Il Post

L’installazione in “piazza Ucraina” (LaPresse)

1652456307 12 Questanno alla Biennale di Venezia Il Post

Il padiglione russo (LaPresse)

Gli spazi in città si sono inoltre arricchiti con l’apertura delle Procuratie Vecchie in piazza San Marco, accanto alla Torre dell’Orologio. Chiamate così perché a tempo ci vivevano i procuratori di San Marco — le più alte veneziano autorità dopo il doge — sono state restaurate dall’architetto britannico David Chipperfield e aperte to the public his concessione delle Assicurazioni Generali, il gruppo proprietario degli edifici, dopo quasi cinque secoli. In this period of the Biennale, the Procuratie Vecchie ospiteranno a sample of Ukrainian sculpture naturalizzata statunitense Louise Nevelson, curator of the American padiglione ai Giardini. who all the information you need to visit the Biennale events.

– Leggi also: La storia di Venezia nelle parole che ci ha lasciato

We would love to say thanks to the writer of this post for this incredible content

Quest’anno alla Biennale di Venezia – Il Post


We have our social media profiles here and other pages on related topics here.https://star1015fm.com/related-pages/