Orfeo e le sirene sono “home”, cousin to Rome for Taranto – ViaggiArt

ROME – Orfeo, the mythical singer, seduto en throne, le labbra socchiuse, con la sua musica è riuscito nell’impossibile. Le malefiche sirene, modeled non con la coda di pesce ma metà donne e metà uccello secondo l’iconografia più antica, remain incantate. Con le ricche vesti e riccioli che cadono dalle acconciature, non riescono a distogliere I sguardo. I touch. E gli Argonauti, al passaggio tra i flutti, sono salvi. Non cadranno vittime of the singing parrot. E’ returned “home” Orpheus and the sirene, the sculptural group of the fourth century BC, trionfo di bellezza e perfezione, trafugato negli anni ’70 da un sito archeologico tarantino e aquistato poi dal The Paul Getty Museum of Malibu, oggi “salvato “Thank you for all the investigative activity in Italy and all’estero dei Carabinieri del Comando per la Tutela del Patrimonio Culturale, coordinated by the Procura della Repubblica di Taranto, with the District Attorney’s Office of Manhattan and the Homeland Security Investigations. Landed in Italy only Tuesday, the group, realized in terracotta quasi a natural grandeur, is now the superstar of the new Museo dell’Arte Salvata all’interno del Museo Nazionale Romano, when it will be fine on October 15 to fly to the Museo archeologico di Taranto will enter the collection. “A great disgrace at the end of my mandate – comments the Minister of Culture, Dario Franceschini -. Ancora one extraordinary capolavoro d’art that was illegally understated and that is far from our beauty”, commenting “thing fa l’ Italy for its heritage: save it and bring it back in the luoghi di provence”. Proprio in queste seventimane, reveals the Commander of the Carabinieri of the TPC, Roberto Riccardi, in his last day alla guida del gruppo, if he is working “per far tornare in Italia al più presto anche l’Athleta di Fano” with “an Italian proposal to the Getty Trust”. Ma quello di Orfeo e le sirene, ammette him, “is one of the most important recoveries of all time in the history of the Carabinieri and of Italy.” “It is not enough to produce art, we must protect it – he says – Alla beauty della Legalità, aver ottenuto per via giudiziaria la restitution del bene, fa da specchio la legalità della Bellezza”. Sull’Orfeo, invece, che “per il viaggio è stato assicurato per 8 miloni di dollari Usa”, aveva allungato le mani “la criminalità organized”. Il suo rientro è infatti “l’epilogo di una complessa indagine – says the Procuratore della Repubblica di Taranto, Eugenia Pontassuglia – che già nel corso del 2020-2021 aveva porto al recupero de oltre 2,000 reperti archeologici del VI al II secolo ac, illecitamente trafugati dal Taranto e Basilicata territory” and all’individuazione di “un’organizzazione criminale transnazionale”. In particular, l’Orfeo e le sirene wereo stati ceduti da alcuni tombaroli to a “noto ricettatore locale” with contact with the organized criminality, which, on its own, had ceduti a third with international contact and title of a gallery of ‘art in Svizzera. Fine to essere acquistati dal Getty di Malibu thanks to all’intermediation of a bank official. Ma return “home” vuol dire also ritrovare la giusta letura. “Orfeo e le sirene – says the director of the Museo Nazionale Romano, Stéphane Verger – discusses a musical find that is also a philosophical and political find, important in the Pythagorean answer. One finds in the Greek city and in the chaos of the world, three due music e due divinità. An unforeseen reading of the Getty response, permessa dal rientro in Italia. Ora – dice – per quest’opera inizia a new life, also di studio, ad esempio sui pigmenti”.

We wish to give thanks to the author of this article for this incredible material

Orfeo e le sirene sono “home”, cousin to Rome for Taranto – ViaggiArt


Our social media pages here and other related pages herehttps://star1015fm.com/related-pages/