Milano | Curiosità – I 10 luoghi persi per semper, e che avrebbero fatto la difference – Urbanfile Blog

Milan if it is transformed, it is stata abbattuta e ricotruita in the Corso del tempo centinaia di volte, losing troppo spesso il sapore antico e millenario che dovrebbe avere e che spesso troviamo in altre città. Palazzi, isolati, quartieri e structure utilizzate e vissute per centinaia di anni, fatte sparire a volte anche dalla memoria collettiva, spesso relegating the city to the ruolo di brutta e troppo moderni nei confronti delle centinaia di città Italiane più virtuose che hanno preserve la lolo anima ancient not only culturally, but also with the support of the building and of Angola that have increased fame and notoriety, testifying to a glorious past.

Così abbiamo try to think about elencare at least 10 luoghi che, if fossero rimasti, avrebbero fatto la difference e ricordato la millenaria e glorious storia di questa città.

1: the Porta Ticinese Amphitheater

Surely the più significant tra tutti i grandi edifici spariti o quasi da Milano è senza alcun dubbio il grande Roman amphitheater di Porta Ticinese. Oggi if this anchor scavano per iportare alla luce le fondamenta de quello that was an important amphitheater dell’impero. Infatti had an ellissi of 155 x 125 metri, it was the third amphitheater per dimension of Roman Italy built by the Colosseo and the amphitheater of Capua. La sua realizzazione si da secondo le ultime ipotesi alla seconda metà del I secolo dC Presto prenderà forma il PAN, Parco Amphitheatrum Naturae.

2: The Triumphal Arch of Porta Romana

Della grande Mediolanum imperiale non possiamo non menzionare quanto ci manca il grande arc di trionfo posto dove oggi si trova Largo Crocetta a metà i Corso di Porta Romana. Qui un po’ di storia e ricotruzione.

3: The Chapel of Sant’Aquilino

Another great perdita, safely, is the artistic heritage that doveva ricoprire la cappella Sant’Aquilino in San Lorenzo. the chapel of Sant’Aquilino è uno dei tre corpi – assieme alla coeva cappella di Sant’Ippolito ea quella, chronologically successive, say San Sisto – annessi alla basilica paleocristiana di San Lorenzo Maggiore.

Built around 410, it was originally named after S. Genesius, a Christian from Arles who suffered martyrdom in 303 during the persecution of Diocletian and Massimiano. Il cult del santo sarebbe stato introdotto dall’imperatrice Galla Placidia, le cui spoglie, secondo la tradizione cinquecentesca, furono conservate all’interno del monumentale sarcofago in marmo, ancora eistente nella cappella.

The Chapel of Sant’Aquilino It is present and recently restored, but after all the time has been almost completely canceled and mosaic and old decorations of the cappella, that doveva apparire, fosse rimasta intatta come all’epoca, marvelous come il Mausoleum of Galla Placidia to Ravenna and say Santa Maria Maggiore scent. Qui de seguito una nostra ricotruzione.

Qui de seguito alcuni frammenti dei mosaici giunti but noi e che possono I will give an idea of ​​how dovesse apparire la cappella.

4: Palazzo Ducale and Palazzo Reale

A truly historic and important palace with an impact that will dominate the southern side of Piazza del Duomo, somewhat like the Palazzo Ducale di Mantova. Oggi dall’aspetto del tardo Settecento progettato dal grande architetto Giuseppe Piermarini. A palace that was once dressed in neoclassical clothing and gave away an unparalleled grandeur, but the war has been canceled almost forever or inevitably destroyed.

5: the quarter of the Bottom

Not far from the splendid palazzo Reale, we are still amazed and seen one of the popular quarters with the most interest and history of the city, completely canceled from the date of the 20th century to build the “ideal” city, piazza Diaz. If it was about buttona quartiere fatto di case antiche e povere che oggi avrebbe fatto concorrenza a Brera o ai Navigli, ma che è estato canceled completely nel dopoguerra.

6: the quarter of the Verziere

Other quartiere and urban space canceled per semper and rimasto immortalato dalle fotografie, il Verziere (oggi più famous as Largo Augusto). Only the colonna del Redentore (at the time sfrattata dal cantiere della M4) rhymes with Ricordo di quello that was an other popular urban space and alive. Negozi, case popolari e fatiscenti, una via alberata dove si tenta il mercato quasi ogni giorno. Insomma altro spazio che fosse rimasto sarebbe stato una meraviglia turistica. Oggi is one long dove passano tram e automobili.

7: the Cerchia dei Navigli

Also the Cerchia dei Navigli is a gross perdita that has modified the entire historical center of Milan. Su finire degli anni Venti si scelse la viability delle new vetture (le automobili) piuttosto che gli ormai inutili navigli che si trovavano lì sin dall’epoca Romana e medievale. Oggi will wait for his recovery in the very near future, keeping vintage photos and hoping to see the best possibility for his modern realization.

8: the Contrada dei Veder

The Contrada dei Veder forse è sconosciuta ai più o, perlomeno, è less famous di altri luoghi spariti. If I tried her Cristoforis Galleryknown at the time as the Contrada di Veder (la strada dei vetri), a strada coperta realized in the 1832 che collegava la Corsia dei Servi, l’attuale corso Vittorio Emanuele, con le viuzze prossime a via Monte Napoleone. Cent’anni dopo, in 1935, the gallery of Cristoforis will be demolished and canceled from the city forever. At his post will see the palazzo della Società Assicurazioni Torino in Piazza San Babila and at his post will open the gallery of the Bull. The gallery will be rich only with the dedication of one of the new modern passaggi that anchors oggi costellano corso Vittorio Emanuele.

9: Palazzo Archinto e gli affreschi del Tiepolo

Ahinoi the Seconda Guerra Mondiale has contributed not a little to the cancellazione di parecchi tesori in città, surely as accadde ai meravigliosi soffitti di Palazzo Archinto di via Olmettoa parallela di via Torino, in the heart of Centro Storico.

The palazzo at the end of the Settecento if it presented the maximum of its splendor, adornment of a cycle of decorations ad affresco that followed through 1730 and 1731 da Giambattista Tiepolo e da alcuni suoi collaboratori, tra cui Vittorio Maria Bigari (autonomous respect to Tiepolo), Andrea Lanzani and the quadraturist Stefano Orlandi. All printed rimasto (per fortuna) in some scattate prima dei terribili bombardamenti del 1943.

10: San Francesco Grande e le opera ivi contenute

We conclude with the great chiesa (second only to the Duomo) posta proprio ditro la Basilica di Sant’Ambrogio, we know how Saint Francesco Grande. Large and important Romanesque-Gothic church rich in opere d’arte di mirabile fattura, tra le quali vi was also la stupenda Vergine delle Rocce di Leonardo da Vinci, oggi presented to the Louvre di Parigi a version and the other alla National Galelry di Londra. Chiesa soppressa in 1700 and demolished with the dispersion of the operation inside.

Surely luoghi spariti per semper di quella Milano popolare e storica ce ne sono molti di più, e un cast di di non basterebbe.

Image reference: Milano Sparita, Roberto Arsuffi

Storia, Cerchia dei Navigli, Amphitheater, Mediolanum, Palazzo Ducale, Leonardo da Vinci, Milano Sparita, Tiepolo, Bottonuto, Verziere

We wish to give thanks to the writer of this article for this awesome material

Milano | Curiosità – I 10 luoghi persi per semper, e che avrebbero fatto la difference – Urbanfile Blog


Find here our social media profiles and other pages that are related to them.https://star1015fm.com/related-pages/