Debora Benvenuti with Sagomarte in mostra by the beast alla Pro Loco – OglioPoNews

Ne è passato del tempo dal tempo delle opere che – pugno allo stomaco – ti lasciavano un senso di bruciante ansia ed restlessness. Dicono che l’arte sia la mediazione tra ciò che si immagina, ciò che si sente e ciò che si vive. Deborah Benvenuti has raggiunto a sua disomogenea maturità artistica. A quiete che non è quiete creative, forse è solo consapevolezza in più.

A figure, a worker who makes it, a compagno di vita. Her innate ability to filter the world through and through her scheme, through her protection of her who is always caring, intelligent and enlightened. A time she ci raccontava che she di giorno she transformed in opere i sogni – ea volte gli incubi – notturni. In addition, she forse she dreams less, or dreams in the same way, she remains, fortissimamente remains, the longing for a message, I will say anything through her, through the graph that is her and her primary field of expression of she. She remains capable of essere a visionary: she so she saggia da gestire with her balance her sue her visioni of her and so folle da essere semper e comunque unpredictable, unfathomable. She gives essere portatrice di messaggi.

The mostra that will see her protagonist in Pro Loco nei giorni della Fiera di San Carlo a Casalmaggiore si chiama Sagomarte. It is open from November 1 to 6 with the following hours: 10:00-11:30 and 16:30-18:30. “Il name – ci spiega – comes from the fact that in ognuna delle sette opere esposte é una sagoma la cui richiama il significato dell’opera stessa. Sono re-interpretazioni delle opere d’arte di famous e grandi arrtisti, associated ad altre immagini. Ogni sagoma, adattata nella forma al tema que ho voluto rappresentare, porta in se uno o più messaggi que passano traverso un excursus di opere d’arte famous abbinate, per associazione di idee, ad immagini coming from cinema or dai cartoons, da icone, da periodi di storia e di vita, da symbolo frivoli del consumerismo e dal mondo dell’advertising”.

Grandi opere, that was only a part of the show. The second part is più personale. Sono messaggi, schegge de tempo e de emozioni che l’artista ferma, alla sua maniera of him. Tra le tante immagini del sibolismo di Debora, troviamo spesso il doppio triangolo. E’ quello il suo segno di riconoscimento, la sua immagine: “E’ un triangolo più piccolo che si stacca da un più grande come segno di ribellione dagli schemi imposti, dalle dittature, dai perbenismi, dalle violenze, con l’esigenza di lottare per un’identità, a physical and mental freedom. What a sound”.

Non ama, non ha mai amato parlare di se Debora. As she does not love, I will illustrate her operation to the public. She and ‘più portata per il rapporto vis a vis, per la comunicazione atraverso le immagini. She has perso a bit dell’inquietudine esistenziale degli anni giovanili, but she is only a path, a fish of the road in più sulla strada del tempo. It’s not a good thing, it’s not a male: it’s just a percorso, just a diverse synthesis of a difficile cosmic explosion that always foresees, and contains.

One November, alle 17, l’inaugurazione della mostra, che è tutta da vedere. Debora è, e vive, nelle sue opere de ella come nella vita reale. Dicono che l’art is a sorta di pozione che mix gli ingredient di fantasia, stati d’animo, razionalità, experienza e vita. Quello di Debora remains forever an unstable balance pur di fronte alla stabilità. A balance-disbalance capable, always and common to surprise you.

NC

© Riproduzione riservata

We would love to thank the writer of this write-up for this amazing material

Debora Benvenuti with Sagomarte in mostra by the beast alla Pro Loco – OglioPoNews


Discover our social media profiles as well as other pages related to it.https://star1015fm.com/related-pages/