A Venezia a mostra racconta il cervello umano come non si è mai raccontato

The Fondazione Prada di Venezia has recently inaugurated the third capitol of a capogiro raise. In tutti i sensi. We are talking about “Human Brains: It Begins with an Idea”, a monumental exhibition that has advanced its operations and ancient documents to offer a journey inaspettato nei meandri del cervello umano

Di esposizioni in Laguna during the period of the biennial ce ne sono ovviamente tanta, ma solo pochissime riescono to toccare un livello così alto da trasmettere quel senso di intimate appagamento typical delle cose fatte with a certain criterion. The mostra allestita pressed by the Venetian headquarters of the Fondazione Prada is surely one of those: It begins with an idea It is the third and penultimate chapter of the cycle di rassegne multidisciplinari human brains, dedicated to neuroscience. E così, dopo un primo convegno online tenutosi nel 2020 (Culture and Consciousness), and a second meeting organized in 2021 (conversations), the palazzo Ca’ Corner della Regina returns to host an ambitious project volto alla scoperta del nostro cervellonoche di noi stessi.

The Conversation Machine. Video, interview and orchestration by Taryn Simon. Installation view at Fondazione Prada, Venice. Photo Marco Cappelletti

THE SHOW AT THE FONDAZIONE PRADA DI VENEZIA

Snodandosi its tutti e tre i piani dello storico lagunare building, the show if avvale di an Allestitive Apparatus of the Curatorship Manual (Impeccabile cioè sia technically speaking that gives a point of view of consistency with the exhibition concept), to invite the public to learn a stupefying journey that can’t be indifferent. The itinerary, conceived by the curator Udo Kittelmann, is the fifth part of the piano terra with a series of films of surgical operations and experiments that innescan a cousin contacted by the most important organ of our body. Ogni video is available frontally to any sedute that, making explicit reference to the tribune of the classic medical amphitheatre, prepares it to be immedesimarsi in the circle of a curious student interested in understanding the functions and mechanisms of the human brain. Dopo questa parentesi introduttiva if I start to enter the live of the show process the access to the first piano nobile. Ad accogliere il visitatore è a long dedalo que si estende fine all’ltimo piano, fatto di corridoi, stanze e nicchie adibite a ospitare dipinti, utensili, documenti che rivelano tentativi secolari di comprehension del nostro cervello. Ogni oggetto è supportato da un letterario di scrittori e scrittrici ai quali è estato chiesto di tessere narrazioni stimolanti e imprevedibili inspired dal manufatto in questione. Made by 32 Authors of International Fame – Tra i quali spiccano Salman Rushdie, Esther Freud e Paolo Giordano –, i testi sono letti da George Guidall, famous voice narrante di numerosissimi audiolibri. E così if appropriate passo dopo passo, tra cunicoli e sentieri semper più simili a vere e proprie cavità cerebrali, alla scoperta di opere e oggetti incredibili tra i quali ricordiamo la copia in stampa 3D di due cilindri sumeri che riportano la più antica trascrizione cuneiform di un sogno (fatto dal re Gudea tra il 2120 e il 2110 BC), miniature handswriting from the 14th century AD and alcuni autografi disegni by Leonardo da Vinci. E poi ancora: an Andean coltello used for intervention and sacrificial ceremonies (data from the 13th and 14th secolo), testi di Cartesio sulla ghiandola pineale, an anatomical model of the XIX secolo loaned from the Museo La Specola di Firenze e l’ipnotico dipinto di Hieronymus Bosch untitled L’estrazione della pietra della follia.

Human Brains. It Begins with an Idea. Exhibition view at Fondazione Prada, Venezia 2022. Photo Marco Cappelletti
Human Brains. It Begins with an Idea. Exhibition view at Fondazione Prada, Venezia 2022. Photo Marco Cappelletti

L’OPERA THE CONVERSATION MACHINE

After the last piano of Ca’ Corner della Regina, if you arrive at the conclusion of the show with the vision of a mastodontic intervention of the title The conversation machine. Prodotto da Fondazione Prada, and commissionato all’artista statunitense Taryn Simon, il lavoro si concretizza atraverso un’installazione site specific that includes 32 monitor all’interno dei quali si alternano 36 filosofi e neuroscienziati. Diretti come se condividessero tutti lo stesso tempo e il medesimo spazio, i theorici si fanno così metaphor of our brain connections changing spesso posto tra di loro o esibendo oggetti in maniera lampeggiante proprio come delle intuizioni improvvise. Estratte gives a complessive tour of 140 hours, the selected clip danno infine vita a choral opera fatta di silenzi, distractions e momenti confusionari che, inevitably, fano I will also think about the fragility of a così predominant organ.

THE PAROLE OF MIUCCIA PRADA

Visitable end of November 27, 2022, the exhibition will ideally continue with Preserving the Brain: the conclusive note of human brains che sarà presenteto il prossimo autunno nella stessa exhibition headquarters. An ambitious project, though, that looks to far shine its human cervello and to pay attention to its importance all’interno di tutta la storia dell’umanità poiché, as affirmed by the stessa Miuccia Prada, “siamo convinti che parlare del cervello umano significhi parlare dell’essere umano. Focalizzarsi sull’unicità del nostro cervello ci permette di capire l’influenza that scientific research has sulle nos vite e più in generale sullo sviluppo della cultura”.

Valerio Veneruso

Eventi d’arte in corso a Venezia

We want to give thanks to the writer of this write-up for this incredible web content

A Venezia a mostra racconta il cervello umano come non si è mai raccontato


Check out our social media accounts along with other related pageshttps://star1015fm.com/related-pages/